giovedì 5 maggio 2011

STEVIA LA PIANTA DOLCE



Alla fiera del fiore curiosando fra le piante,mi sono imbattuto in una piantina che avevo acquistato qualche anno fa,la Stevia rebaudiana .E’ una pianta erbacea le cui foglie sono dolcissime e possono essere utilizzate al posto dello zucchero(il dolce veleno);si possono adoperare fresche o secche oppure messe a macerare in alcool o grappa per fare dei liquori(come lo stevioncello).Utilizzando un infuso delle foglie venti minuti prima dei pasti,riduce lo stimolo della fame nervosa,oppure bevuto durante la giornata,è un’ottima bevanda dissetante ed energetica.La Stevia è utilizzata da tempo in molti paesi del Sudmerica,Nordamerica,Europa,Thailandia,Cina Israele,Giappone(qui la usano anche come dolcificante per la Coca Cola light).Qualche anno fa la Stevia aveva avuto dei problemi di commercializzazione in Europa,ritenendo che creasse problemi di salute ed è per questo che era stata ritirata dal commercio(tutta colpa delle multinazionali dei dolcificanti di sintesi).Ma il 14 aprile 2010 l’Unione Europea ha permesso l’uso di questo dolcificante naturale,anche sotto forma di estratti.

7 commenti:

  1. Spero di trovarne in erboristeria. Grazie dell' informazione.

    RispondiElimina
  2. Se per caso non dovessi trovarla in erboristeria,e probabilmente è così,la puoi trovare più facilmente presso qualche vivaio,come piantina da coltivare.Ciao a presto

    RispondiElimina
  3. È facile da coltivare e cresce tantissimo. Sia fresca che essiccata è molto dolce ma mantiene un retrogusto di liquirizia, il che non la rende proprio adatta a dolcificare il caffè, almeno per i nostri palati italiani :)

    RispondiElimina
  4. Hai ragione Anonimo,ma a parte il caffè è meravigliosa,anche per preparare dolci o liquori.Grazie del commento.Una buona giornata a te

    RispondiElimina
  5. visitate in fb: senza zucchero ma con la stevia e lasciate un commento. Grazie! ^_________^

    silvia

    RispondiElimina
  6. Grazie Silvia per aver condiviso.

    RispondiElimina
  7. Grazie Silvia per aver condiviso.

    RispondiElimina

LASCIA QUI UN TUO COMMENTO