martedì 6 settembre 2011

a tutti quelli che mangiano la carne

Questo post l'ho preso dalla mia amica Rosa del blog Eliotropo che ringrazio.

  La mucca che pianse!

letto su  La vera bestia

Il seguente articolo è comparso in un giornale cinese e poi su un giornale macedone: 

"Per un mattatoio di Hong Kong, era una giornata abbastanza normale, finché una mucca che stava per essere macellata cadde in ginocchio e cominciò a piangere!" 
La gente pensa che gli animali non piangano, ma questo animale stava piangendo come un bambino "- ha detto Billy Fong ai giornalisti di Hong Kong. "Attorno c’erano dieci uomini che traggono il proprio sostentamento attraverso la macellazione degli animali. E dai loro occhi, le lacrime cominciarono a fluire. La gente era talmente toccata da decidere di acquistare la mucca. Successivamente tale mucca fu donata ad un tempio buddista, dove poté il vivere il resto della sua vita in pace ".

Questa storia della mucca che piange ebbe inizio quando questo grosso animale veniva trasportato verso il macello. Quando si avvicinarono al macello, improvvisamente l'animale cadde a terra, sulle sue zampe anteriori. Poi, le sue lacrime iniziarono a fluire.
"Quando vidi l'animale cominciare a piangere con tristezza e paura nei suoi occhi, ho iniziato a tremare," - ha detto il macellaio. "Chiamai gli altri che divennero tanto stupiti quanto me. Cominciammo a tirare e spingere l'animale, ma non volle saperne di spostarsi. Sedeva a terra e piangeva. Mi si rizzarono i peli, perché l'animale reagiva come un essere umano. Ci guardammo in faccia e sapendo che nessuno di noi sarebbe stato in grado di ucciderlo, avremmo dovuto decidere cosa fare con lui ".

Infine, dopo lunghe discussioni, decisero di raccogliere i soldi per mandare l'animale a riposarsi, per tutta la vita, con dei sacerdoti buddisti, che non hanno nulla contro le mucche. "Non fummo in grado di smuoverlo da lì finché non gli promettemmo che non sarebbe morto. Poi si alzò e venne con noi. Potete crederci oppure no, ma questa è la verità, anche se sembra strano. Sembrava che questo grande animale avesse capito ogni parola da noi pronunciata, "- disse il Sig. Tat Nin. Per alcuni impiegati del macello, questo incidente fu decisamente troppo.

Il Sig. Fong ha detto: "Tre operai, subito dopo aver assistito a questa scena, si licenziarono. Dissero che non sarebbero stati mai più in grado di uccidere un animale, perché avrebbero sempre ricordato quella mucca, e come le sue lacrime scorrevano lungo il suo muso dai grandi occhi tristi."

Tratto da: groups.yahoo.com/group/Spirituality_GR/message/2886

21 commenti:

  1. Rispondo come ho risposto a Rosa: meno male che sono vegana almeno non ho di queste colpe sulla coscienza...almeno su questo posso andare a testa alta. Ciao ciao caro
    P.S leggevo proprio oggi che in America, data la crisi, molti hanno smesso di comperare carne e quindi di cibarsene. Però hanno indirizzato i loro gusti carnivori sugli insetti che costano molto meno. Se fossi un animale direi che c'è da aspettarsi di tutto dagli umani...Riciao

    RispondiElimina
  2. Il miracolo,secndo menon sta nella mucca,ma nell'avere trovato persone di cuore,una rarità.
    Grazie,mi sono un pochino commosso a legggere.

    RispondiElimina
  3. P.S,correggo, ovviamente :leggere.

    RispondiElimina
  4. Ciao AnnaMaria,gli americani stanno facendo come i cinesi...che mondo di pazzi.Buona giornata

    RispondiElimina
  5. Ciao Costantino,anch'io mi sono commosso a leggere questo argomento,ma purtroppo alla maggior parte delle persone,non gliene frega niente se un animale soffre,basta non pensarci e avere la pancia piena.Buona giornata

    RispondiElimina
  6. Anche loro hanno dei sentimenti, sono esseri viventi e come tali andrebbero rispettati.
    Ciao, buona giornata!

    RispondiElimina
  7. che storia commovente! buona giornata!

    RispondiElimina
  8. Ciao Erb, proprio ieri pomeriggio durante un'escursione nel bosco ho incontrato quattro mucche che pascolavano liberamente, si fa per dire, avevano addosso un campanaccio che faceva un rumore assordante. Dopo vari tentativi sono riuscito ad avvicinarmi, perchè scappavano impaurite e mi ha colpito il terrore che avevano solo a guardarle negli occhi. Se potessero parlare, mi guardavano tristi come per dire, aiutaci, perchè non ci lasciano in pace?
    Buona giornata

    RispondiElimina
  9. Caspita deve essere stato terribile trovarsi di fronte ad un animale che ti implora con gli occhi e con il pianto perchè non è in grado di chiederti a parole di non ucciderlo!

    Un buon pomeriggio Erborista.
    P.s. Ho ripreso a dormire bene, anche senza goccine!

    RispondiElimina
  10. È difficile continuare a mangiare bistecche dopo aver letto questo post... sempre di più negli ultimi anni, mi sto allontanando dal consumo di carne. Anche se non è facile quando non si è soli... Però è anche vero che con un po' di buona volontà tutto è fattibile.
    A presto
    Cinzia
    lacollinadibetulle

    RispondiElimina
  11. Commovente...capisco gli operai che si sono licenziati...

    RispondiElimina
  12. Ciao Giglio,se dovessi lavorare in un macello,piuttosto morirei di fame!Buona giornata

    RispondiElimina
  13. Ciao Simo,sembra una storia inventata,ma è la verità.Buona giornata

    RispondiElimina
  14. Ciao Krommino,le mucche si possono anche allevare,lasciandole libere di pascolare nei pascoli e prendendo loro solo il latte che producono naturalmente.In India fanno così,hanno il massimo rispetto per loro.Buona giornata

    RispondiElimina
  15. Ciao Ele,bisogna proprio raggiungere queste situazioni,per far ragionare in positivo l'uomo?Buona giornata

    RispondiElimina
  16. Cinzia,si può fare tutto,cominciando per prima cosa a sfatare i luoghi comuni,informare e sensibilizzare l'opinione pubblica,soprattutto la parte femminile che è più sensibile a certi argomenti.Buona giornata

    RispondiElimina
  17. Ciao Gianna,per poter migliorare il mondo,bisogna cominciare proprio da queste cose.Buona giornata

    RispondiElimina
  18. Non potrei mai lavorare in un macello; anche se non sono vegano, cerco di limitare il consumo di carne. Saluti a presto

    RispondiElimina
  19. Ciao Cavaliere,una volta in campagna,le mucche non le uccidevano mai,perchè era meglio avere latte e formaggi per lungo tempo,piuttosto che la mucca e poi perchè ci si affezionava.Buona giornata

    RispondiElimina
  20. Ciao Erborista bella storia, l'avevo letta da Rosa.
    Colpisce una mucca che ha emozioni,ma tutti gli animali hanno emozioni!

    RispondiElimina
  21. Ciao I am,la mucca è l'archetipo della madre,è l'animale per eccellenza legato al nutrimento e alla fecondità, qualità che in India lo rendono un animale sacro.Ed è per questo che l'avvenimento ha suscitato non pochi stati di commozione.Buona giornata

    RispondiElimina

LASCIA QUI UN TUO COMMENTO