giovedì 21 luglio 2011

fotovoltaico:passo in avanti


tratto da ultimenotizie

Ricerca: Bologna, Ue finanzia studiosa che scopre pannelli solari nanotech

L’Unione Europea scommette 1 milione e 200mila euro sui pannelli fotovoltaici del futuro progettati da una giovane studiosa dell’Universita’ di Bologna. Ad incassare il sostanzioso finanziamento legato al programma Erc starting grant, e’ Paola Ceroni, del gruppo di fotochimica di Vincenzo Balzani. L’idea che ha convinto gli esaminatori di Bruxelles e’ quella di combinare due innovativi materiali hi-tech, i nanocristalli di silicio e i dendrimeri, nella realizzazione di celle fotovoltaiche di nuova generazione. L’obiettivo e’ arrivare a pannelli piu’ efficienti, privi di metalli potenzialmente tossici e meno costosi di quelli attuali. I pannelli che oggi vediamo sui tetti sono gia’ fatti di silicio, ma a fogli relativamente grandi, dello spessore di un quinto di millimetro. I nanocristalli di silicio, al contrario, sono minuscole particelle strutturate dello stesso materiale, delle dimensioni di pochi milionesimi di millimetro (nanometri). Il loro vantaggio principale e’ che conducono l’elettricita’ molto meglio del silicio in fogli. Ma dovrebbero anche far risparmiare molto materiale e soldi. Negli ultimi anni, Ceroni e colleghi hanno imparato a costruirli in modo tale da catturare l’energia solare e trasformarla quasi totalmente (80%) in energia elettronica. Il progetto dei ricercatori (PhotoSi) prevede di fissare ad ogni nanocristallo piu’ dendrimeri (vd. figura) di modo che l’energia solare intercettata possa essere convogliata e quindi trasformata in energia elettrica nei cristalli di silicio. La speranza e’ inoltre che l’interazione tra i due materiali possa esaltarne le rispettive proprieta’, cosi’ da realizzare un materiale fotovoltaico con un’efficienza maggiore di quella attualmente disponibile, che si aggira solitamente attorno al 15%.

18 commenti:

  1. Un altra importante scoperta.Serena notte a presto

    RispondiElimina
  2. Sono contento,una buona notizia per un paese che rischia sempre di arrivare tardi...

    RispondiElimina
  3. Ciao Cavaliere,la strada è ancora lunga e in salita,ma ci stiamo muovendo,questo è importante!Buona giornata :-t

    RispondiElimina
  4. Ciao Costantino,la cosa assurda è che abbiamo un paese che arranca,ma è anche la patria dei cervelloni.Buona giornata :D

    RispondiElimina
  5. Un post molto interessante e divulgativo in questa materia in continua evoluzione ed in cui si fa anche tanta confusione, grazie. Mi iscrivo tra i tuoi followers
    Un caro saluto, a presto

    RispondiElimina
  6. ...interessante...buon inizio del giorno Erborista..
    Dandelìon

    RispondiElimina
  7. occorre sfruttare le energie pulite! ciao

    RispondiElimina
  8. Caspiterina ti ho lasciato già due commenti. .. ma continuano a sparire!!!!
    Comunque volevo ringraziarti per le notizie interessanti che riporti sul tuo blog.
    Un abbraccio
    Cristiana

    RispondiElimina
  9. Ciao Wiska,questo arrembaggio improvviso alle rinnovabili,effettivamente un po' di caos lo ha creato.Ma questo succede sempre,quando si passa da un sistema ad un altro.Le grandi rivoluzioni richiedono un po' di tempo prima di assestarsi.Buona giornata b-(

    RispondiElimina
  10. Ciao Dandelion,si è un argomento che apre ad una condizione più ottimistica.Buona giornata anche a te :):)]

    RispondiElimina
  11. Ciao Simo,la scommessa è proprio questa:trovare il modo di renderle sempre più ecocompatibili.Buona giornata :D8-}

    RispondiElimina
  12. Ciao Cristiana,grazie della visita e buona giornata anche a te :):|

    RispondiElimina
  13. Ciao, carissima, buona giornata.

    RispondiElimina
  14. Ciao Giglio,apprezzo il "carissima",anche se preferisco il "carissimo".Buona giornata anche a te. ;;):-o

    RispondiElimina
  15. Grazie erborista, ti ho risposto sul mio blog.
    Serena giornata con tutto il cuore.
    Ale

    RispondiElimina
  16. Ale,buona giornata anche a te. :-*:x

    RispondiElimina
  17. Mi auguro che questo grande problema dell'energia pulita venga risolto al più presto. Risparmio energetivo + risparmio economico sarebbero un'accoppiata vincente per tutti noi e per la nostra meravigliosa Terra che comincia ad essere un pò troppo stanca e non riesce più a sopportare i nostri gravi errori.

    Ti auguro una buona fine settimana

    Cri

    RispondiElimina
  18. Ciao Cri,tutto questo si potrà realizzare,quando l'uomo penserà più al benessere generale,piuttosto che ai propri fini economici.Buona giornata ;)

    RispondiElimina

LASCIA QUI UN TUO COMMENTO